RASOTIXO 40

Betoncino

MALTA ANTIRITIRO FINA FIBRORINFORZATA, TIXOTROPICA, PER IL RIPRISTINO CORTICALE DEL
CALCESTRUZZO - CLASSE R3 - GRANA FINA

RASOTIXO 40 è indicato per il ripristino di strutture in calcestruzzo ammalorato su superfici orizzontali e verticali, ripristino corticale di pilastri, frontalini di balconi, pavimenti, gradini, fasce marcapiano. RASOTIXO 10 è indicato per la ricostruzione dello strato di copriferro in strutture di cemento armato e per il riempimento di giunzioni rigide. RASOTIXO 10 è idoneo per la livellatura delle irregolarità di supporti non planari, all’interno ed all’esterno fino a 30 mm

Preparazione dei supporti e della malta
Rimuovere parti deteriorate ed in fase di distacco del calcestruzzo fino a raggiungere lo strato integro, compatto e ruvido.
Pulire il calcestruzzo ed i ferri di armatura mediante sabbiatura, rimuovendo polvere, ruggine, oli, grassi, efflorescenze,
vernici, ecc.
Bagnare il sottofondo con acqua fino a rifiuto, quindi rimuovere l’acqua in eccesso o attenderne l’evaporazione.
In betoniera: Versare in betoniera dai 4,5 ai 5 litri di acqua per ogni sacco, in base alla consistenza desiderata (applicazione
a cazzuola o a spruzzo) ed aggiungere RASOTIXO 40 lentamente e in maniera continua. Lasciare mescolare per 1-2 minuti
fino a quando l’impasto non risulti omogeneo, staccare dalle pareti della betoniera la polvere non dispersa e mescolare per
altri 2-3 minuti.
A mano: È consigliabile impastare piccoli quantitativi per volta, versando in un secchio la quantità d’acqua necessaria, circa
19% sulla polvere; aggiungere RASOTIXO 40 lentamente e in maniera continua. Mescolare per 5-6 minuti, fino ad ottenere un
impasto omogeneo. È opportuno utilizzare un mescolatore a basso numero di giri per evitare l’inglobamento d’aria all’interno
dell’impasto.
Applicazione
Per riempimenti e ricostruzioni applicare il prodotto a spatola o a cazzuola. Il prodotto permette spessori fino a 4 cm in una
sola mano per un massimo di due applicazioni. Se si ha la necessità di applicare una seconda mano, occorre eseguire
l’operazione non oltre le 3 ore a 20°C dalla stesura del precedente strato. Il prodotto è direttamente frattazzabile e non
necessita dell’applicazione di rasanti di superficie.
Dopo l’applicazione, RASOTIXO 40 deve essere portato a stagionatura evitando un’evaporazione troppo rapida dell’acqua
che può provocare fessurazioni, eventualmente nebulizzare acqua sulla superficie durante le prime 24 ore di indurimento.
Non applicare il prodotto a temperature inferiori a +5°C e superiori a +35°C.
Non addizionare a RASOTIXO 40 altri componenti (cemento, calce, gesso ecc.).
Non addizionare acqua a presa iniziata.
Non applicare su supporti gelati, o con rischio di gelo nelle 24 ore successive.
Non applicare per spessori inferiori a 1 cm.
Non applicare su supporti verniciati o a base gesso.
Non utilizzare su supporti con scarsa resistenza meccanica.
Non utilizzare per ancoraggi.
Non utilizzare per riporti mediante colatura in cassero.
Non applicare su fondi in calcestruzzo liscio, irruvidire la superficie ed aggiungere eventuali ferri di contrasto.

PREPARAZIONE del supporto e della malta · Preparare le superfici da trattare liberandole da polvere, efflorescenze, oli e grassi, parti friabili o in via di distacco mediante sabbiatura, idrosabbiatura o con energico lavaggio con acqua in pressione.  · Bagnare le superfici da trattare con acqua  abbondante fino a rifiuto, quindi rimuovere l’acqua in eccesso o attenderne l’evaporazione · Impastare un sacco con circa 4,5 – 5,0 litri d’acqua, a mano o con mescolatore a basso numero di giri, fino ad ottenere una malta omogenea e plastica.
· Lasciare riposare per qualche minuto, quindi rimescolare brevemente prima di applicare il prodotto in una o più mani, con spatola metallica,
fino ad uno spessore massimo di 30 mm.
AVVERTENZE
Non aggiungere cemento, inerti o altri prodotti all’impasto.
Non utilizzare su supporti che presentano un film di acqua sulla superficie.
Evitare l’applicazione in esterno in giornate molto calde o ventilate, su supporti gelati, in fase di disgelo o con rischio di gelo nelle 24 h successive e comunque con temperature inferiori a +5 °C o superiori a 35 °C.
Nella stagione calda proteggere il prodotto da una evaporazione iniziale troppo rapida, causa di fessurazioni, inumidendo le superfici trattate durante le prime ore di indurimento.
Lavare bene gli attrezzi da lavoro dopo l’uso ed attendere la completa maturazione per la
verniciatura.